Gaia Day
Gaia Day
home page
news
link
Il progetto
In costruzione
 
L'evento
Il Gaia Day
La meditazione
Organizza il Gaia Day
 
Altre iniziative
La notte del 31 dicembre
 
Ecologia profonda
In costruzione
 
Software libero
In costruzione
La meditazione del Gaia Day (1)

La Meditazione del Gaia Day va fatta durante la giornata dedicata a Madre Terra, l'ultima settimana di giugno alle ore 16:00, in concomitanza con gli altri gruppi sparsi nel mondo. L'orario sarà lo stesso per tutti i fusi orari in questo modo garantiremo che il pianeta venga invaso da un'ondata di energia positiva per ventiquattro ore.

La meditazione si svolge in questo modo:

Tutto il gruppo si dispone in cerchio e si siede a terra. Prima di inziare se lo preferite potete pulire l'aura di ogni partecipante con un bastoncino d'incenso o con delle essenze particolari adibite allo scopo.

Dopodiché il responsabile del gruppo guida gli altri ripetendo a voce le seguenti fasi, le scriveremo come se stessimo conducendo il gruppo in questo momento:

«Occhi chiusi, schiena dritta e portiamo la nostra attenzione al respiro».

«Portiamo ora la nostra attenzione al respiro. Seguiamo l'aria che entra dalle narici del nostro naso, la vediamo scendere giù lungo la gola, fino a riempire i nostri polmoni…».

«…e dai polmoni ritornare su fino a fuoriuscire dalle narici del naso»

Si fa una pausa di un minuto durante la quale si può continuare a ripetere la visualizzazione al gruppo in modo da aiutarlo a visualizzare l'aria che entra ed esce dal naso. Dopodicché si riprende come segue:

«Rendiamo inoltre il nostro respiro circolare ed uniforme, cioè senza mettere pause o apnee tra l'inspirazione e l'espirazione, in modo da ottenere un respiro calmo e tranquillo, quasi immobile e silenzioso».

«Il respiro diventa sempre più quieto, sereno e pacato…».

«Insieme all'aria, ora durante l'inspirazione, immaginiamo o visualizziamo d'inspirare luce, pace, gioia, amore, serenità, compassione…»

«…e durante l'espirazione buttiamo fuori lo stress, l'odio, le paure, le preoccupazioni, i rancori… e tutto quanto può disturbarci».

Si continua a mantenere questa fase per pochi minuti continuando a ripetere al gruppo:

«Inspiro luce, pace, gioia, amore, serenità, compassione…».

«Espiro tensioni, stress, odio, paure, preoccupazioni, rancori…».

Poi si riprende come segue:

«Spostiamo ora la nostra attenzione al terreno ed immaginiamo o visualizziamo, ad ogni nostro respiro, di sprofondare in esso molto lentamente».

«Inziando dai nostri piedi, i polpacci, le ginocchia, le gambe, i glutei, gli organi genitali, l'osso sacro…»

«…e man mano che entriamo nel terreno rilassiamo le parti del nostro corpo, la pelle che copre i muscoli, i tendini, i nervi, le ossa…».

«Sentiamo il calore, che Madre Terra ci dona, la sua vibrazione e continuiamo a rilassare».

«Lasciamoci ancora andare ed immergiamoci sempre più nel terreno con il nostro respiro…».

«…con le nostre vertebre lombari, gli organi interni, l'intestino, la vescica, le ovaie…».

«Sentiamone ancora il calore, le vibrazioni e continuiamo a rilassare la pelle che copre i muscoli, i tendini, i nervi, le ossa…».

«Entriamo ancora nel terreno con il nostro respiro fino alle prime vertebre lombari…»

«…lo stomaco, i reni, la milza, il fegato, il pancreas, la pelle dell'addome, i muscoli, i tendini, i nervi…».

«E continuiamo a rilassare il nostro corpo con il calore e l'energia di Madre Terra».

«Scendiamo ancora fino alle vertebre toraciche, i bronchi, gli alveoli polmonari, il pericardio, il cuore, il timo, le ossa della gabbia toracica…».

«Rilassiamo la pelle, i muscoli, i tendini, i nervi…».

«Sentiamone il calore, la vibrazione e continuiamo a rilassare».

«Ora siamo giunti all'altezza delle vertebre cervicali, lasciamoci ancora sprofondare con le nostre braccia, gli avambracci, fino ai polpastrelli delle dita».

«Rilassiamo il nostro corpo, la pelle delle spalle, della schiena… rilassiamo ancora i muscoli, i tendini, i nervi… sentiamone il calore, la vibrazione…».

«Siamo ora giunti al nostro collo con le corde vocali, la trachea, la tiroide, l'esofago…».

«Sentiamone ancora il calore, la vibrazione e rilassiamo la pelle, i muscoli, i tendini, i nervi…».

«Lasciamoci ancora andare ed immergiamo la nostra gola, la bocca, il mento, le labbra, il naso, le guancie, gli zigomi, le orecchie, gli occhi, la fronte…»

«…il cervello, il cuoio capelluto… sentiamone ancora il calore, la vibrazione e rilassiamo».

«Ora siamo completamenti immersi in Madre Terra».

«Cerchiamo di percepire il suo amore, la sua protezione… e rimaniamo ancora in questo stato e lasciamoci andare al suo richiamo».

Si fa una pausa di qualche minuto in modo da consentire al gruppo di percepire l'amore e la protezione di Madre Terra. Dopodicché si riprende in questo modo:

<- il gaia day

continua ->

download la meditazione del Gaia Day nel formato pdf

Prossimi incontri


29/06/2014
Gaia Day
Monte Faito (NA)
 
Newsletter
 
Facebook
 
Download
 
Links
 

tutto il materiale pubblicato sul sito è liberamente condivisibile purché ne venga citata la fonte